lunedì 30 giugno 2014

Chiedo Perdono

Mi ero ripromessa di scrivere un post al giorno.
Non sono riuscita a mantenere la promessa.
Chiedo quindi perdono a me stessa e a voi
che ogni tanto mi leggete.
Venerdì sera ho incontrato un vecchio amico,
anzi Amico.
Il che mi ha riempito il cuore di gioia,e
per un istante mi sono dimenticata di tutto il resto.
Ho anche ritrovato i rapporti con una persona che non vedevo da tempo,
ma che spero di riuscire a frequentare più spesso.
Sabato sono andata al "Sardegna Pride" mostrando appoggio
a tutti gli omosessuali che continuano imperterriti,giustamente,
a lottare perchè vengano riconosciuti i loro diritti.
Ho anche scattato parecchie foto,
che posterò qui nei prossimi giorni.
Oggi ho un esame,e per dirlo con molta schiettezza,
incurante di quanto sia orribile questa espressione,
"Mi sto cagando".
Ovviamente,come mia prassi e consuetudine,
ho già vomitato.
Sono pervasa dall'ansia e dall'angoscia,
mi deprimo come se la fine incombesse su di me.
In qualche sporadico momento di lucidità,
riesco a pensare che è solo un esame,
e che il mondo non cascherebbe se non lo dovessi passare.
Subito dopo però ricomincio con i miei attacchi isterici
e dico cose prive di senso,
simili a quelle che sto scrivendo adesso.
Perdonatemi quindi se leggendo questo post,
vi accorgerete di aver sprecato 30 secondi della vostra esistenza.
In ogni caso vi saluto.
Domani scriverò qualcosa che abbia senso.

venerdì 27 giugno 2014

Non sono mai stata abbastanza egoista

Meteoropatica.
Oggi mi sento un pò come questo sole
che a stento riesce a farsi largo
tra le nubi,
scomparendo ogni tanto,
etereo
evanescente,
inconsistente.

                                                                                                  Non sono fatta di pietra,
                                                                                                        non sono una roccia,
                                                                                              non sono forte come molti
                                                                                               preferiscono immaginarmi,
                                                                                          ed in fondo alla mia solitudine
                                                                                                            mi sento oppressa,
                                                                                                incapace di lasciar perdere,
                                                                                                                  di dimenticare
                                                                         ciò che vorrei definitivamente rimuovere
                                                                                                                dalla mia mente
                                                                                                           già troppo confusa,
                                                                                                  in cui si alternano ricordi
                                                                                                             e articoli di codici.

Non sono mai stata abbastanza egoista
per poter dire
'non voglio ascoltare',
per pensare solo alla me stessa
alla mia integrità mentale,
e rinchiudere le altrui frustrazioni
in un angolo abbandonato
del mio cervello.
Ho permesso ai problemi di altri,
di penetrare talmente in fondo alla mia carne,
da impedirmi di essere felice come vorrei,
come dovrei.

                                                                                  Sono sempre stata una "confidente",
                                                                                                             ci si è rivolti a me,
                                                                                in cerca di una spalla su cui piangere,
                                                                     in cerca di una persona sincera che sbattesse
                                                                                                      in faccia la cruda verità,
                                                                                                      in cerca di un consiglio,
                                                                                                                        di un aiuto,

dimenticando forse
che sono solo una ragazza,
e che non posso risolvere problemi
di una vita.

O no,le mie parole,
non celano rancore.
Anzi,mi sentivo speciale,un tempo,
onorata
di poter essere una spalla,
                                                                                                                       
                                                                                                                          un amica,
                                                                                                                         una Figlia.

Ma adesso,
mi sento così stanca,
mentre soffoco le lacrime
nel fumo di una sigaretta.
Io che sono sempre stata così brava
a fornire consigli,
io che sono una 'bella persona'
che sono sincera e genuina,
disponibile e buona,
sono sola.
                                                                                             E non riesco a trovare lucidità
                                                                                                        per fronteggiare i miei
                                                                                                      disagi,le mie insicurezze,
 
per ignorare la noncuranza.

                                                                                               
                                                                                                               Stasera dopo anni,
                                                                                                         rivedrò un caro amico.

Chissà se sarà in grado di percepire
il mio cambiamento,
la mia attuale apatia,o
se rivedrà ancora nei miei occhi
l'immagine di quella ragazzina
ingenua e fiduciosa
che non si stancava mai d'ascoltare,
e che ancora non aveva vissuto abbastanza da poter
consigliare.

                                                                Quell'immagine di quando ancora ero una bambina
                                                                                                        immatura ed incompresa,
                                                                                                                  romantica e ribelle.

Quell'immagine che immortale,
custodisco gelosamente,
nostalgica,
tra i ricordi più belli.



giovedì 26 giugno 2014

Fotografia

Intrappolo quell'attimo,
fuggevole
perduto
dietro l'obbiettivo
della mia macchina.
Ricerco la perfetta dolcezza
di uno sguardo,
di un bacio fugace,
del volare di un gabbiano.
Immortalo il cielo,
le nuvole grigie,
le antenne della TV
magre e fragili che,
coraggiose
si battono col
vento.
Ingabbio la bellezza
di un fiore,
la sua inevitabile
geometria.
Fotografo
una foglia che cade,
il ragno che tesse
la sua inestricabile tela,
lo sguardo fiero
del mio gatto.
Interrompo il tempo,
lo fermo con un gesto,
mi impossesso della bellezza.
E non servono oceani,
o la perfezione dei lineamenti
di un volto,
o le stelle
o il tramonto.
La bellezza è ovunque,
anche nelle più
piccole cose,
in quelle più scontate,
in quelle più banali.
La bellezza è ogni giorno.

























mercoledì 25 giugno 2014

I tuoi occhi,i miei occhi

Mi spaventano i tuoi occhi scrutatori
che mi leggono dentro l'anima,
che soli in un istante
svelano tutti i miei segreti.

I tuoi occhi
dai quali 
cerco di difendermi.

I tuoi occhi mi spiazzano,
come mi spiazzi tu
e la tua infinita pazienza,
la calma che sembra appartenerti
in ogni istante,
che guarisce le ferite
che io sola
mi infliggo
e lecco,
nel tentativo
di autocommiserarmi.

Provo a tenerti lontano,
con la mia freddezza,
e le mie manie,
i miei rimproveri inutili,
e le banalità.
Le uniche armi
che possiedo per proteggere 
l'ultimo briciolo di un vano orgoglio,
di una vana dignità.

Questo è quel che rimane,
l'unico modo che trovo
per amarti,
per amarmi.

Vorrei avere la forza
per impedirti
di scavare dentro 
i miei costanti dolori,
dentro i rimpianti
di una vita mai lontana,
mai passata.

Ma i miei occhi non mentono,
non celano come vorrei
le mie fragilità,
le mie frustrazioni,
che si rendono palesi
dinnanzi a te,
che adesso,
mentre scrivo
mi guardi,
e già leggi  queste parole.

Davanti a te
io sono nuda,
spoglia
di ogni veste di false gioie.

Mi vedo riflessa,
in fondo ai tuoi occhi,
vedo le mie lacrime non piante,
i sorrisi dimenticati,
ma ritrovati.

Vedo le carezze che non dovrei negarti.

E forse un pò d'amaro
sfiorerà le tue labbra,
ma ti sorriderò,
e tu capirai
che una volta ero diversa,
ma che non ero me stessa.

Capirai che questa volta
non voglio morire.

Mia Madre

Osservo una foto
di mia madre.
Aveva vent'anni.
La trovai tempo fa
persa,
tra i ricordi ingialliti
di una vecchia scatola.
La presi di nascosto
e la infilai dentro una tasca.
Ancor oggi mentre la guardo
mi sembra di vedermi
riflessa
tra le profondità
di uno specchio.
Ritrovo in quel giovane volto
il mio stesso sorriso,
a volte timido,
insicuro.
Ritrovo il mio sguardo
sempre un pò triste,
malinconico,
lo sguardo di chi
ha sempre qualcosa
a cui pensare.
Lo sguardo fragile
di chi troppe volte
è stato ferito.
Lo sguardo fisso,
al contempo orgoglioso,
di chi non dimentica,
di chi in fondo,
cela un innegabile rancore.
Lo sguardo di chi
è attanagliato,
intrappolato nella morsa
violenta e dolorosa
del rimpianto.
Lo sguardo di chi
ha scelto
di vivere da solo
il proprio intimo
dolore.
Così era mia madre.
Così oggi,
sono io.

martedì 24 giugno 2014

La Madre Notte

Amo quell'istante di libertà,
poco prima di dormire,
in cui scompare
l'angoscia
e l'inquietudine
del giorno vissuto.
Amo quell'istante
di estrema spensieratezza,
in cui ogni ansia
perde il suo valore. 
Che resta allora,
se non gli occhi stanchi,
se non il calore
di un buio universale?
La notte,
come una madre 
stringe a sé
ogni uomo.
raccoglie
nel suo silenzio
ogni lacrima non pianta,
ogni amore nascosto,
ogni speranza lontana.
Finché
muta,
dolce e quiete
ripone tra le segrete pieghe
del suo manto scuro
ogni sogno
ed ogni sospiro.

lunedì 23 giugno 2014

fuori posto

E chissà come
mi riscopro ancora
a stupirmi
delle parole,dei gesti falsi,
che come smog
inquinano l'aria.
Sarebbe meglio il silenzio,
sarebbe meglio stare immobili.
Mi domando che strano gioco,
sia questo,
a cui non mi è concesso 
di partecipare.
Il gioco dell'abbattere,
dell'avvilire,
del distruggere,
del celare tutto
dietro un malizioso sorriso,
del dimenticare.
Non sono brava a questo gioco.
In fondo,mi va bene così,
mi va bene questa vita da spettatore,
e non da protagonista.
Non vorrei mai 
che il mio nome
figurasse tra i titoli di coda
di questa commedia trash.
Eppure,
mi sento sola
in questo cinema quasi vuoto.
Nessuno mai,
mi aveva detto,
che la vita è solo un compromesso,
e che per non essere soli,
ogni tanto,
bisogna giocare.

domenica 15 giugno 2014

un viaggio di ricordi

Il viaggio Sassari Nuoro in pullman,è un odissea. L'autista,un mancato pilota di WRC ha l'abitudine di schiacciare il piede sull'acceleratore lungo i rettilinei,per poi frenare bruscamente al primo accenno di una curva.
Il tè che ho bevuto prima di partire,si agita nel mio stomaco,mischiato ai succhi gastrici.
Dalla mia pancia provengono rumori simili a quelli che si immagina di sentire,quando un vulcano sta per eruttare.
Per sconfiggere la nausea ed evitare il paranoico pensiero del "Devo vomitare,cazzo sto per vomitare",accendo il mio fedele lettore mp3,volgendo al contempo lo sguardo,al panorama che si prostra fuori dal finestrino.
Lo so,di solito ai "vomitatori da pullman" si consiglia di guardare davanti,in direzione della strada,ma questa soluzione con me non ha mai funzionato.
Chiariamoci,io non sono un vomitatore,ma questo autista,cristo santo,guida davvero male. 
Grazie al cielo,l'immagine delle dolci e placide colline,fuori dal finestrino,ricoperte di ormai biondi fili d'erba,rasserena il mio animo. 
Adesso inizia davvero il mio viaggio.
Le immagini si proiettano davanti ai miei occhi col sottofondo musicale di un malinconicissimo Moltheni,uno di quei pochi cantanti,che insieme a Thom Yorke,risce ad infonderti una profonda depressione.
A pochi chilometri dalla partenza,alla mia destra,l'immagine dell'imponente vecchio cementificio abbandonato,grigio come il cielo quando minaccia un violento temporale,uno di quelli caratterizzati da pioggia violentissima,lampi e tuoni che come boati fanno vibrare le finestre della casa,che ti fanno venir voglia di accucciarti in posizione fetale sotto le coperte.
Fin da piccola,quel complesso di edifici e ciminiere mi ha sempre trasmesso un senso d'angoscia e allo stesso tempo attirato,più o meno come il salame dei panini che porti al mare attira le api quando sei disteso sulla sabbia.
Da bambina,ogni tanto capitava di venire a Sassari con i miei genitori e mio fratello. Quest'ultimo,ogni volta che si iniziava ad intravedere il cementificio,mi raccontava di come quel posto fosse invaso da enormi lucertole carnivore,simili a enormi varani che avevano una certa predilezione per la carne dei bambini.
Mio fratello mi raccontava sempre storie simili,come quella di Lillo il mio gattone grigio che caduto dentro ad un pozzo,dopo una lunga e sanguinosa lotta,perì tra le fauci di un enorme coccodrillo.
In realtà Lillo,morì a pochi isolati da casa mia,investito da una macchina.
Col senno di poi penso che quelle agghiaccianti  storie,che mio fratello mi raccontava,altro non fossero se non il modo,oltre che per divertirsi,spaventandomi a morte,anche di proteggermi dalla cruda,triste e sterile realtà.
Ma il mio viaggio prosegue così come lo scorrere dei pensieri e dei ricordi.
Fuori dal finestrino le dolci,delicate colline ricordano i seni di una donna.
In lontananza montagne,la cui cima sembra esser stata tagliata di netto,verdeggianti e alberate,che somigliano a vulcani spenti o assopiti.
Scorrono campi incolti,selvaggi dominati da cespugli di rovi e qualche solitaria sughereta.
Si avvicendano a  terreni dall'erbetta fresca e verdeggiante,morbida soffice.Di tanto in tanto si attivano gli innaffiatoi.Le gocce d'acqua fluttuano leggere nell'aria,per poi cadere schiantandosi,contro la terra e gli infiniti fili d'erba.
Nonostante,a causa del caldo,i finestrini siano chiusi,si sente il dolce,familiare ed agognato profumo della terra bagnata.
Scorrono vigneti e lenzuola di stoffa con su scritto a caratteri cubitali "NO AL TERMODINAMICO". Sotto i ponti invece i cartelloni del circo,le solite immagini di elefanti,leoni e trapezisti,infine cartelloni pubblicitari del Rally Italia-Sardegna.
Prima fermata Bonnanaro,conosciuto come il paese delle ciliegie.
Mi piacciono le ciliegie,specialmente quelle grosse e succose.
Quand'ero bambina mia nonna ci regalava sempre un cestello di ciliegie che raccoglieva dalla sua campagna. Erano profumatissime e dolci, ma molto piccole,col nocciolo piuttosto grosso.Ricordo che le mettevo sempre sopra le orecchie,a mo di orecchini col pendolo,e mi guardavo allo specchio fingendomi una aristocratica donna di classe.
Adoravo tenerle in bocca,come fossero caramelle.
Mi piaceva la sensazione della buccia liscia che sfregava sul mio palato.Solo dopo qualche minuto le masticavo. Mia madre mi sgridava sempre.
Aveva paura che un giorno o l'altro,una ciliegia mi sarebbe rimasta incastrata in gola.
Aveva anche paura che ingoiassi i semini delle ciliegie o dell'anguria. Per spingermi a prestare attenzione nel mangiare questo genere di frutta,mi diceva che se avessi ingoiato un seme,un enorme albero mi sarebbe cresciuto nella pancia. Vissi per anni con questa convinzione. Quando scoprii che in realtà tutto ciò, altro non era se non una favola,ebbi l'impressione che ogni mia certezza fosse sfumata nel nulla,ebbi insomma la stessa reazione che hanno i bambini quando scoprono che babbo natale non esiste,una sensazione di totale perdizione.
A Bonnanaro non scende e non sale nessuno.Il viaggio dunque prosegue.
Il mio sguardo e la mia mente sono sempre proiettati li, fuori dal finestrino,oltre quella lastra di vetro che mi separa dalle file di cipressi,dall'erba,dal fieno,dalle viti e dal sole che piano,lentamente tramonta. 
Su nel cielo scorgo due aquilotti sospesi nell'aria, quasi perfettamente immobili. 
Lezioni di volo e una lotta contro le correnti.
La tappa a Torralba viene saltata,non so esattamente per quale motivo,ma ricordo il modo arrogante ed antipatico con cui l'autista/mancato pilota di WRC aveva dato questa tristissima notizia a inizio viaggio.
Prossima fermata Macomer.
Non so molto di Macomer,solo che se guardata da lontano,dalla superstrada,con quegli enormi palazzi grigi e devastati,costruiti su un altopiano a ridosso di una grande vallata,sembra una città dell'est Europa,tipo Sarajevo o Tirana, o come immagino che siano Sarajevo o Tirana.
Nel complesso,architettonicamente parlando,penso sia una cittadina dal fascino decadente.
Appena entrata a Macomer il mio sguardo si posa sul grigio della ferrovia,delle case abbandonate e diroccate,di vecchi vagoni arrugginiti,parcheggiati li sulle rotaie da tempo immemore.
Penso che mi piacerebbe un giorno farci un salto e scattare qualche foto.
La maggior parte dei passeggeri scende qui,alla stazione dietro alla quale scorgo un immensa casa di tre piani,anch'essa vecchia e diroccata,con le persiane e le finestre che penzolano,marce,stanche.
Di questa enorme casa,ciò che più attira la mia attenzione,è un piccolo balcone simile a quei balconi da cui Benito Mussolini teneva i suoi deliranti discorsi.
Scorgo anche l'autista,che nel frattempo è sceso dal pullman per quella che ho scoperto essere una costante ed abituale "pausa sigaretta". Sta lì fermo sul marciapiede a fianco al pullman,con lo sguardo fisso sul suo telefonino e la sigaretta accesa tra le dita. Ha un aria antipatica,i denti marci e la pelle grigia tipica dei fumatori più incalliti.
Passano un paio di minuti e lui sta ancora li,con gli occhi su quel dannato telefono.
Un ragazzetto con l'aria da sbruffone gli si avvicina. Scambiano poche parole ed entrambi salgono a bordo.
Si riparte stavolta verso la meta finale,Nuoro.
Il sole continua inesorabilmente a tramontare,nascondendosi di tanto in tanto dietro qualche montagna. Gli ultimi raggi di luce si proiettano rossi sulle colline,sulle case cantoniere,sulle querce e sull'erba.
Il paesaggio,reso ancor più bello dalla luce del tramonto,trasmette una sensazione di calma,di pace,di quiete.Gli alberi,i cespugli,le montagne,perfino la strada,mutano colore.
Ben presto però svanisce la luce,scompare all'orizzonte il sole,cedendo il suo universale palcoscenico ad una candida e bianca mezza luna.
Delle montagne,delle dolci colline,delle sugherete e dei cespugli di rovi,non resta che una sagoma offuscata,e confusa.
Anche la mia vista ormai è offuscata e confusa. Sono stanca. Chiudo gli occhi per qualche istante.Ma il mio sonno e leggero,troppo leggero. 
Ad un tratto il pullman si ferma,in mezzo alla strada. Non capisco che succede. Si aprono le portiere e il giovane con l'aria da sbruffone scende li,nella strada,in un bivio,avvolto dall'oscurità. Si fa luce col suo telefonino. Lo scorgo ancora per pochi istanti poi svanisce nel nulla.Cazzi suoi.
Mi assopisco di nuovo.
Al mio risveglio già si vedono le prime luci di Nuoro. Prato sardo,la zona industriale. Sono arrivata a casa.
Il pullman si ferma di fronte all'ospedale.
Finalmente,dopo due ore di viaggio trascorse a cambiare posizione su quegli scomodissimi sedili,posso alzarmi.
Appena scendo dal pullman una leggera brezza fresca mi invade il corpo. Aria di Nuoro. Non la sentivo da tempo.
Sorrido.Avanzo verso casa,un passo dopo l'altro.
Poi mi fermo un istante a guardare la parrocchia di San Francesco.Qui ho seguito il catechismo ai tempi in cui ancora viveva la buon anima di Don Chessa,uno dei pochi preti dall'animo davvero limpido e buono che abbia mai conosciuto.
Ricordo la mia prima comunione. Stavo male. Avevo la broncopolmonite. Mia madre per l'occasione mi aveva comprato un vestitino color salmone chiaro,in raso,con stampata sopra una fantasia di minuscole pesche e quelli che credo fossero piccoli limoni.Quel giorno indossavo anche una coroncina di fiori finti abbinata al vestito,e un paio di scarpe blu,orribili che non c'entravano un cazzo e ancora mi domando perchè mia madre me le avesse fatte indossare.
C'erano pochi invitati quel giorno. Non abbiamo mai fatto grandi feste per questo genere di avvenimenti. Mangiammo a casa.
Ricordo uno strano clima teso. Solo dopo,quando crebbi ebbi modo di capire il perchè l'aria quel giorno fosse così elettrica.
Ricordo le domeniche che erano sempre un giorno di festa.Mia madre si truccava e indossava sempre le scarpe col tacco,mentre mio padre metteva sempre qualche abito. La messa per me era un gioco.
 Mi piaceva quando tutti si alzavano e si mettevano in fila per la comunione, e mi domandavo se l'ostia fosse buona da mangiare, se la coppa che aveva il prete fosse davvero ricolma di sangue di Cristo,e da dove lo prendessero tutto quel sangue.
Mi piaceva il momento dell'offerta,mettere le monetine nel piatto e ascoltarne il suono mentre cadevano sul fondo.
Mi divertiva fare il segno della croce.
Dopo la messa si andava a prendere dei dolci in una nota pasticceria dall'altra parte della città,poi si tornava a casa e a pranzo si mangiavano sempre ravioli o pollo arrosto.
E' rimasta uguale,quella chiesa,così come l'avevo lasciata anni fa.
Proseguo per la mia strada passando a fianco all'eliporto.
Una volta li c'era un campetto da calcio,o meglio una distesa di polvere e terra con due porte da calcio. In quella piazzola desolata spesso portavano il circo o le giostre.Adoravo le giostre. Ricordo quella volta in cui mio padre mi portò sulle montagne russe.Piangevo dalla paura guardandolo con aria supplichevole. Lui invece rideva,era molto divertito. Piansi tantissimo quel giorno. 
Ricordo poi mia madre che una volta mi portò al circo con mio fratello. Ricordo la confusione,l'odore dei pop corn e dello zucchero filato.
Ho una foto di quel giorno,che ci ritrae con due pagliacci e un pappagallo rosso all'entrata del tendone da circo. 
Pochi passi e scorgo il palazzo,color vomito di bambino,la casa nella quale ho passato 20 anni della mia vita.
Mio fratello non c'è e mi ha lasciato le chiavi nel garage.
Il garage ha sempre lo stesso strano odore di umido,di motore,di pneumatici e legna da ardere. Mentre cerco le chiavi tra gli scaffali impolverati,trovo dimenticati tra scatoloni di quaderni delle elementari e altre cose inutili,dei libri dimenticati,appartenuti probabilmente a mia madre o a mia sorella. Li prendo prontamente e li infilo nello zaino,poi finalmente trovo le chiavi.
Eccomi finalmente giunta  a casa. Vengo immediatamente pervasa dai ricordi. Immagini della mia vita mi scorrono davanti facendomi sorridere.
Qui ho trascorso i momenti più belli,ed i momenti più brutti della mia esistenza. Per anni ho evitato il rientro a Nuoro,perchè mi spaventava trovarmi di nuovo faccia a faccia con ricordi che avrei voluto dimenticare,sacrificando in tal modo anche i ricordi che invece avrei voluto e dovuto tenere stretti.
La mia stanza è sempre uguale. Alle pareti ancora ci sono attaccate delle fotografie di Ben Harper,collane e orecchini di cui avevo scordato l'esistenza. Nella libreria,in bella vista,l'odiatissimo vocabolario di greco,il maggiore responsabile della mia attuale,parziale cecità. Maledetto Rocci.
Attaccato all'anta del mio armadio,un disegno donatomi da una mia compagna di classe,che mi ritrae in stile manga, nelle mie tipiche espressioni e nel tipico mio abbigliamento del tempo.
Sulla porta un adesivo col mio nome scritto in giapponese. 
Ricordo Claudia,l'amichetta della mia infanzia,ricordo i giochi,le avventure con le barbie. La ricordo mentre mi raccontava la trama dei libri di Harry Potter. Ricordo le risate quando una di noi osava dire "culo",ricordo i nostri libri,i nostri fumetti,le stelline fluorescenti attaccate alle pareti.
Ricordo le mie infinite punizioni,il pranzo nella mia stanza, da sola,esiliata dalla cucina,dalla mia famiglia.Ricordo le liti dei miei mentre chiusa in camera canticchiavo per non sentire una parola. Le lacrime versate sul cuscino. Ricordo l'altare dei Metallica che avevo fabbricato e che mia madre aveva gettato tra le fiamme del camino,come punizione per i voti bassi che le avevo nascosto.
Che sapore agrodolce hanno queste pareti.
Sulla libreria scorgo una cartella rossa. La apro e dentro trovo uno dei tanti quadernini di poesie che scrivevo alle superiori.
Stavo male allora,lo si legge in quelle parole,così atroci,così tristi. Le avevo dimenticate.Provavo disagio,un disagio che porto ancora dentro,nel profondo
Quante cose avevo dimenticato.
Ma ora ricordo.
Ricordo tutto.
Ora mi accorgo di essere abbastanza forte per fare i conti con me stessa,con la mia vita passata. Ora capisco che la mia ricercata assenza da questa città,altro non era se non il tentativo di fuggire dai brutti ricordi,che volente o no,fanno parte di me. 
Mi torna in mente Seneca,quando diceva che a nulla serve scappare di città in città,a nulla serve cambiare continuamente abitudini e stili di vita quando il problema è insito nel cuore.
Ora capisco a fondo il significato di queste parole.
Mio fratello mi chiama,è nel bar dietro casa.
Vado a farmi una bevuta e un paio di risate....ci sta.