lunedì 27 luglio 2015

Piccolo uomo

Ah piccolo uomo,
quanto ami le donne.
Le ami bionde,more,
alte,basse,
timide o estroverse,
ma
soprattutto le ami giovani.

Le giovani,e il loro giovane corpo,
le loro giovani mani,
i giovani seni,
i giovani culi,
le labbra giovani,
la grinta giovane,
l'insicurezza giovane...

Ah si piccolo uomo,
ami le donne,
meglio se belle,
meglio se giovani,
meglio se insicure,
meglio se suggestionabili.

Meglio,
così
puoi sempre illuderti
di non essere un piccolo uomo,
ma un uomo grande,
sicuro,
un vero pilastro di conoscenza
e saggezza,
un maestro d'arte,
un maestro d'amore.

Oh piccolo uomo,
vuoi la giovane,
e la vuoi intelligente,
la vuoi
che fa bella figura
quando la porti in giro al bar.
Quanto la ami quando
i tuoi amici si complimentano con te
"Proprio un ottimo affare"
quasi parlassero di un auto,
ma non ci fai caso.

Quanto piccolo sei,
piccolo uomo
quando non tolleri che la tua giovane,
ti contraddica,
quanta violenza nei toni
che usi con lei,
zerbino con chi ti pare,
leccaculo con chi ti piace,
bestia feroce con la disgraziata.

Ma dopo tutto,
quella è una donna,
tu un piccolo uomo,orgoglioso
di poter dire
che la tua donna,
è una tua proprietà.

Quanto piccolo sei
piccolo stupido uomo,
quando ti riempi la bocca di citazioni,
quando al mattino ti svegli filosofo,
e scopri la bellezza della libertà,
salvo poi contraddire ogni tua parola,
quando in malo modo
tenti invano di zittire,
quell'unica donna che ti fa pensare,
quell'unica donna sicura di sè e di ciò che dice,
quell'unica donna
che diventa una minaccia
per la tua virilità.

Quanto minuscolo sei piccolo uomo,
quando diventi femminista,
quando chiacchieri della parità dei sessi,
e della libertà sessuale.
salvo poi desiderare,
ad attenderti all'altare,
la giovane vergine,
da educare,
da sottomettere.

Piccolo uomo che non chiede mai scusa,
 paranoico,
 frustrato,
 zerbino,
 violento,
 bugiardo.

Piccolo uomo,
mi disgusti,
ma al contempo
per te,
provo uno strano senso
di profonda pietà.
.